top of page

VITAMINA C

La vitamina C o Acido Ascorbico, fondamentale per il benessere del nostro organismo, svolge numerose funzioni: scopriamole insieme.


Quali sono le sue proprietà?

La vitamina C ha un’elevata capacità antiossidante, ciò significa che svolge un’azione che consente di inattivare i radicali liberi, prodotti di scarto che si formano all’interno delle cellule a causa di diversi fattori come inquinamento, smog, fumo e cattiva alimentazione e che, se presenti in quantità elevate, sono dannosi per il nostro organismo.

Si tratta di una sostanza che partecipa a numerose reazioni enzimatiche, tra cui la sintesi del Collagene – proteina fondamentale per la salute di ossa, cartilagine, pelle, vasi sanguigni e denti – tanto da stimolare la guarigione delle ferite e la riparazione delle ossa in caso di fratture.

Facilita insieme alla vitamina D l’assorbimento del Calcio a livello intestinale, molto importante sia per i bambini in fase di crescita che per gli adulti in età avanzata per rallentare l’osteoporosi.

Favorisce l’assorbimento del Ferro, contribuendo insieme alla vitamina B alla sintesi dell’Emoglobina e alla produzione di globuli rossi, fondamentale in età fertile, in gravidanza e durante l’allattamento. Inoltre risulta essere utile in caso di anemia poiché riduce la stanchezza e la debolezza muscolare.

La vitamina C, insieme alla vitamina B, aumenta l’efficienza del sistema nervoso in quanto coinvolta nella sintesi di neurotrasmettitori e ormoni quali Noradrenalina e Serotonina utili nell’abbassare il livello dello stress che tipicamente aumenta durante i cambi di stagione e a ridurre le alterazioni dell’umore.

Essa svolge infine un’azione immunostimolante nei confronti dei tipici malanni invernali quali influenza e raffreddore, poiché accelera la guarigione e ne riduce la durata.

Dove troviamo la vitamina C?

Si tratta di un elemento che il nostro corpo non è in grado di sintetizzare, per cui si può assumere esclusivamente con l’alimentazione e la maggior parte viene poi eliminata attraverso le urine e il sudore. È presente soprattutto negli agrumi (arance, limoni, pompelmi), in kiwi, ciliegie, meloni, ananas, papaya e in alcuni ortaggi fra i quali broccoli, fave, asparagi, cavoli, peperoni, patate, pomodori, ecc.

Risulta essere sensibile alle alte temperature, all’aria, alla conservazione, alla luce e subisce una disgregazione durante la cottura, che ne riduce il contenuto: ecco perché è importante consumare gli alimenti freschi o poco cotti, meglio se a vapore, e soprattutto conservati in modo corretto.

Che sintomi provoca e come si contrasta la carenza di vitamina C?

Quando la quantità di vitamina C assunta con l’alimentazione non è sufficiente per il corretto funzionamento del nostro organismo, possono cominciare a manifestarsi alcuni sintomi, quali: spossatezza, inappetenza, dolori muscolari, infezioni ricorrenti, gengive sanguinanti, ferite che non si rimarginano, lividi che faticano a scomparire, dolori alle articolazioni, ecc. Questo significa che, in determinate condizioni di carenza di questa vitamina o nel caso in cui non si consumino quantità di frutta e verdura sufficienti a mantenere adeguato il livello, è opportuno utilizzare integratori alimentari ricchi di vitamina C.


Assumerla durante i cambi di stagione è fondamentale, poiché aiuta a contrastare la stanchezza e la spossatezza garantendo energia fisica e mentale al nostro corpo, permettendoci così di affrontare al meglio la giornata!




VUOI RIMANERE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOVITÀ DEL BLOG?





19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

コメント


bottom of page