top of page

ALLERGIA AL PELO DEL GATTO E AL PELO DEL CANE

Cause e rimedi per prevenire o ridurre i sintomi legati alle allergie provocate dal pelo di animali.


Anche dopo anni di convivenza con gatti, cani o altri animali con la pelliccia (conigli, criceti, topolini, ecc.) è possibile sviluppare un'allergia al pelo dell'animale con sintomi tipici come:

  • prurito a naso e gola;

  • arrossamento, prurito, lacrimazione e gonfiore agli occhi;

  • tosse secca;

  • eczema e altre dermatiti.

Le cause scatenanti questi fenomeni reattivi sono allergeni che si accumulano nel pelo o nella saliva dell’animale.

I gatti inoltre, attraverso gli indumenti dei loro proprietari, trasferiscono le particelle allergeniche anche in luoghi nei quali normalmente non entrano animali, quali aule scolastiche o mezzi di trasporto pubblico.

Le reazioni allergiche al pelo del cane sono meno pronunciate rispetto a quelle scatenate dal pelo del gatto; ciò che molti non sanno però, è che il carico allergenico non dipende né dalla razza del cane né dalla lunghezza del pelo.


Quali accorgimenti adottare?

Tieni gli animali fuori dalla camera da letto: l'ultima cosa di cui hai bisogno sono particelle che provocano allergie che fluttuano nella stanza in cui respiri più profondamente e per più tempo.

Pulisci, spolvera e aspira regolarmente: meno pelo si accumula, meno forte sarà la reazione allergica.

Spazzola l’animale all'aperto: quando spazzoli il pelo del tuo amico a quattro zampe, le particelle rimangono sospese nell'aria; toelettando il tuo pelosetto all'esterno invece, il pelo si disperderà, riducendo così la possibilità che si depositi in casa.

Lavati le mani dopo essere stato a contatto con i tuoi animali domestici: elimina il pelo dalle mani in modo da non disperderlo accidentalmente.







29 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page